Organizzate il vostro soggiorno in Dordogna Perigord: visite, attività per il tempo libero, alloggio, gastronomia...

La Dordogna delle vostre vacanze è qui! Scoprite la nostra guida del Périgord: una selezione di alloggi, visite, attività per il tempo libero, ristoranti e molto altro.

La Dordogna in domande!

 

Scoprite il Périgord giocando ai nostri quiz! Mettete alla prova la vostra conoscenza del nostro bel dipartimento, dei suoi luoghi, delle sue tradizioni, della sua gastronomia, delle sue personalità... Imparate e divertitevi allo stesso tempo!
Che punteggio otterrete?

Benvenuti nel Perigord!

C'è differenza tra Dordogna e Périgord?

Oggi, Périgord e dipartimento della Dordogna sono sinonimi e si riferiscono allo stesso territorio. Durante la Rivoluzione francese, l'Assemblea nazionale decise di creare i dipartimenti per semplificare l'organizzazione amministrativa della Francia. I criteri utilizzati per la denominazione dei dipartimenti erano geografici o idrografici, e il Périgord prese il nome dal suo fiume principale: la Dordogna.

Sicuramente il più bel dipartimento della Francia, Comprende quattro regioni naturali principali: al centro, il Périgord blanc (Périgueux, Ribérac); a sud-est, il Périgord noir (Sarladais); il Périgord vert (Nontronnais) ai piedi delle montagne del Limousin; e a sud-ovest, il Périgord pourpre (Bergeracois). Il Périgord Blanc è costituito da altopiani calcarei, tagliati da fiumi (Isle, Auvézère, Loue, Dronne), dove le valli si allargano. La media valle dell'Isle costituisce la spina dorsale di una regione leggermente diversa a sud di Périgueux, dove fanno la loro comparsa i pini marittimi. La regione del Sarladais è una terra di pechs, colline tondeggianti sormontate da boschi cedui di castagni e pinete; basse valli coltivate a noci, campi di tabacco e frutteti. Il verde Périgord, il Nontronnais, è coperto di alberi e brughiere erbose, dove il castagno regna sovrano. È una terra di bacini e valli, con prati grassi che invadono i dolci pendii. Il Périgord viola, la cui valle si allarga a valle di Bergerac, è una regione di frutteti e vigneti.

dordogne perigord mappa turistica

Queste rocce hanno iniziato a formarsi durante l'Era Primaria, quando il Massiccio Centrale è emerso dalla crosta terrestre. Queste rocce cristalline si trovano nel nord-est, ai margini del Limousin. Tuttavia, il Périgord si è formato principalmente durante l'Era Secondaria, quando il mare invase l'Aquitania, spingendo i depositi calcarei ai piedi del Massiccio Centrale. Il calcare giurassico ha formato la causse périgourdin. In seguito, il calcare giurassico ha formato il suolo del Périgord Blanc e della maggior parte del Périgord Noir. Ma è durante l'era quaternaria che i principali fiumi (Dordogna, Vézère, Isle, Dronne) sono apparsi e hanno scavato le valli.

grotta di lascaux

Le Dipartimento della Dordogna (qui lo chiamiamo Périgord) si trova nella regione della Nouvelle Aquitaine (ma noi lo chiamiamo Sud-Ovest), delimitata dai bastioni del Massiccio Centrale, dalle Causses del Quercy, dai frutteti del Lot et Garonne e dal terreno ghiaioso della Gironda, attraverserete alcuni dei paesaggi e dei villaggi più belli della Francia.

Un tempio sacro risalente alla preistoria dove cro magnon, ispirato al Valle della Vézère ha espresso tutta la sua arte. Con i suoi 15 siti dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, è un pezzo di storia dell'umanità tutto da scoprire. Scoprirete l'arte rupestre negli affreschi della grotta di Lascaux a Montignac e nelle grotte e nei ripari dipinti che costeggiano la valle fino a Les Eyzies de Tayac, dove il Museo Nazionale della Preistoria e il Centro Internazionale della Preistoria ci ricordano che qui è stato scoperto l'Uomo di Cro-Magnon.

Una regione ricca di storia, dal Medioevo al Rinascimento, dove i castelli che testimoniano i conflitti passati infondono oggi nella valle della Dordogna un senso di serenità e di calma. Le fortezze trogloditiche di La Roque Saint-Christophe, La Madeleine e Reignac e i notevoli castelli come Hautefort, Beynac, Losse, Castelnaud, Commarque... illustrano la storia turbolenta di questa regione.

Benvenuti in questo bel Paese dove tutto è poesia, o letteratura che a volte sfiora il genio. Non Etienne La Boétie (nativo di Sarlat la Canéda, capitale della regione del Périgord nero) o Michel de Montaigne. Il Périgord sa che i suoi paesaggi, i suoi villaggiI suoi prodotti devono tutto a un tocco leggermente più leggero da parte del creatore rispetto ad altri luoghi. Un ambiente naturale ricco e un'architettura eccezionale, con ben 8 villaggi classificati come i più belli di Francia.

Castello di commarizia Dordogna

Anche durante i mesi estivi, c'è ancora tempo per i tramonti sulle pietre ocra in cima alle scogliere calcaree, per i pomeriggi ad ascoltare la brezza cantare tra le foglie dei pioppi, per le passeggiate a piedi, a cavallo o in bicicletta sotto i castagni. Sono questi i momenti che più di ogni altro vi racconteranno di questa regione così varia.

Il Périgord è un santuario, dove i valori essenziali sono stati preservati. Qui troverete profumi che evocano i ricordi più belli, paesaggi che ricordano i sogni dei bambini e grotte che hanno dato vita a una parte dell'umanità.

Di tanto in tanto, è bello fare scorta delle certezze e delle dolcezze di questo mondo. La natura vi culla nelle sue valli, nei suoi boschi e nei suoi fiumi. L'aria fresca e la gastronomia tradizionale del Périgord saranno un valore aggiunto.

Dagli stagni e dalle foreste del Nontronnais, alle strade del vino del Bergeracois e ai sentieri del Sarladais: ci vuole tempo per scoprire tutto. Perigord.com sarà la vostra guida per aiutarvi a organizzare il vostro soggiorno.

E se vi stancate del caldo dell'estate, l'autunno e la primavera sono i momenti migliori per scivolare nel silenzio delle stradine di Sarlat o tra le spesse mura dei castelli. Le stagioni si allungano lentamente e, da Pasqua a Ognissanti, la tavolozza di colori del Grande Pittore lassù è un motivo sufficiente per fermarsi qui.

E anche l'inverno, a volte così triste, assume l'aria di un tempio dove il tempo sembra essersi fermato, accoccolati accanto al fuoco di un grande camino del Périgord.

casa di riposo in dordogna

È impossibile annoiarsi qui, c'è così tanto da vedere, da fare, da assaggiare, che gli abitanti del Périgord hanno pensato a tutto per farvi divertire. Tutto è qui per farvi divertire: fiumi, foreste, strade e sentieri, rocce e persino l'aria. Vi invitiamo a navigare nel nostro sito e a organizzare la vostra vacanza nel Périgord turistico.

Bandiera della Dordogna

La bandiera della Dordogna fu scelta all'epoca della Rivoluzione francese, quando il dipartimento fu creato il 4 marzo 1790. Corrisponde allo stemma dei conti di Périgord.

La bandiera della Dordogna presenta 3 leoni d'oro di profilo con gli artigli tesi, la lingua fuori e una corona blu.

A differenza delle bandiere basche, corse o bretoni, che sono onnipresenti in queste regioni, la bandiera della Dordogna non è molto comune nel Périgord, anche se la troverete spesso nei castelli che visiterete.