Mille e un castello in Dordogna?

Più di mille castelli, manieri e roccaforti medievali e rinascimentali

Perché il Périgord è conosciuto come la terra dei mille e uno châteaux?

In realtà non ci sono 1.000 e 1 châteaux in Dordogna - è un po' uno slogan pubblicitario - ma il fatto è molto reale: mentre si stima che ci siano poco più di 10.000 châteaux in Francia, la Dordogna ne possiede circa l'11%, il che la rende il dipartimento più ricco di Francia in termini di châteaux.

Mille e un castello in Dordogna?

Perché questo paese è letteralmente ricoperto di castelli?

La Guerra dei Cento Anni, che durò più di un secolo (1337 - 1453) e oppose i francesi agli inglesi, iniziò con la battaglia di Bergerac e si concluse a Castillon la Bataille. In breve, fu nella Dordogna (all'epoca Périgord) che si combatterono la maggior parte delle dispute tra inglesi e francesi, e i due re vi condussero le loro guerre concedendo privilegi e il diritto di costruire a tutti i signori che accettavano di giurare fedeltà a loro. Mentre altrove i re erano vigili quando si trattava di autorizzare fortificazioni che potevano ritorcersi contro di loro, qui ne accettarono moltissime.

Linee parallele di castelli possono anche essere chiaramente viste l'una di fronte all'altra su entrambi i lati delle valli o delle rive dei fiumi, come nel caso della Castello di Castelnaud occupata da tempo dagli inglesi, che si affaccia sul Castello di Beynac che fungeva da roccaforte per i francesi.
I castelli del Medioevo non vennero successivamente smantellati, fungendo da dimora per le baronie che gradualmente li abbandonarono senza distruggerli per costruire più moderne e confortevoli residenze in stile rinascimentale.

Castello di Castelnaud

Castello di Beynac

Oggi molti castelli sono aperti ai visitatori. Scoprite quali sono i castelli aperti ai visitatori nella nostra sezione : I castelli della Dordogna Périgord.

Per saperne di più, visitate il sito un elenco quasi esaustivo di castelli in Dordogna

Organizzare il soggiorno Visite, attività ricreative, alloggio, gastronomia